Pubblicazioni

Eurydice Europa

Recommended Annual Instruction Time in Full-time Compulsory Education in Europe – 2020/21

Anno di pubblicazione: 2021

Un apprendimento efficace dipende da molti fattori ma, senza dubbio, i tempi di insegnamento a disposizione degli studenti giocano un ruolo fondamentale nel loro processo di apprendimento. Accanto alla qualità dell’istruzione e al tempo disponibile per l’apprendimento fuori dalla scuola, l’incremento del tempo destinato all’insegnamento di una materia può aiutare ad aumentare l’interesse degli studenti in quella materia e può avere effetti positivi sui loro rendimenti. Inoltre, la relazione positiva fra l’aumento dei tempi di insegnamento e i risultati degli studenti è più visibile quando l’aumento è accompagnato da altre misure di supporto, in particolare dirette agli studenti svantaggiati.

Questo rapporto analizza i tempi di insegnamenti minimi raccomandati nell’istruzione generale obbligatorio in 37 paesi europei. I dati si riferiscono ai requisiti minimi stabiliti per l’istruzione obbligatoria dalle autorità competenti di 39 sistemi educativi per l’anno scolastico 2020/2021.

Un’attenzione speciale è data a quattro aree disciplinari: lettura, scrittura e letteratura; matematica; scienze naturali; scienze sociali.

L’analisi mostra che i tempi minimi di insegnamento tendono ad aumentare con il livello di istruzione e le differenze fra i paesi diventano meno significative. A livello primario, l’attenzione per la maggior parte dei paesi è dedicata alla lettura, scrittura e letteratura (circa il 25% del tempo totale), mentre nell’istruzione secondaria l’insegnamento della matematica e delle scienze naturali acquisisce uguale importanza.

Oltre all’analisi comparativa, il rapporto contiene anche diagrammi nazionali che illustrano i dati per paese e per materia. I dati sono stati raccolti in modo congiunto dalle reti Eurydice e NESLI (OCSE).



Scarica il pdf della pubblicazione


Tag: Competenze disciplinari