Articoli

5 ottobre 2018

Generale aumento degli stipendi degli insegnanti in Europa, con qualche eccezione

Una comparazione nel nuovo rapporto di Eurydice

di Simona Baggiani

Come da tradizione ormai consolidata, per celebrare la giornata mondiale degli insegnanti, Eurydice pubblica il rapporto dedicato agli stipendi e indennità di insegnanti e capi di istituto in Europa, Teachers’ and School Heads’ Salaries and Allowances in Europe 2016/17, che risponde a tutte queste domande e anche di più.

Il rapporto Eurydice prende in esame infatti gli stipendi tabellari e le indennità degli insegnanti e capi di istituto nelle scuole pubbliche pre-primarie, primarie e secondarie, comparandone le differenze di condizioni e di progressione salariale nei diversi paesi europei.

Tra i principali dati emersi risulta che gli stipendi tabellari degli insegnanti sono aumentati tra il 2016 e il 2017 nella maggior parte dei paesi europei. L’analisi comparativa, che include 41 sistemi educativi, mostra infatti un aumento di almeno il 3% in 18 di questi, con le sole eccezioni di Italia e Liechtenstein, per via del congelamento degli stipendi nel settore del pubblico impiego; Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi e Finlandia, dove la retribuzione è praticamente la stessa nei due anni di riferimento; e Bosnia-Erzegovina, dove gli stipendi degli insegnanti sono addirittura diminuiti.

Per quanto riguarda il nostro paese c’è da sottolineare che, nel 2018, è stato finalmente rinnovato il contratto del pubblico impiego, dopo ben otto anni di blocco, che ha portato ad un aumento degli stipendi tabellari dei dipendenti della pubblica amministrazione, compresi quegli degli insegnanti.

Cambiamenti tra il 2015/2016 e il 2016/17 negli stipendi tabellari degli insegnanti delle scuole pubbliche (livelli primario e secondario generale)

Teachers' and School Heads' Salaries and Allowances in Europe

Gli stipendi reali (ossia al netto dell’inflazione) degli insegnanti all’inizio della loro carriera sono inferiori in nove paesi europei rispetto al 2009/10, ossia gli anni successivi alla crisi finanziaria.

Il rapporto sottolinea inoltre che le retribuzioni e le condizioni salariali variano notevolmente tra i paesi. Ad esempio, nell’Europa dell’Est gli stipendi tabellari sono sostanzialmente inferiori a quelli dell’Europa occidentale. Le differenze tra i paesi riguardano non solo il livello degli stipendi di base, ma anche il numero di anni di servizio necessari per raggiungere la retribuzione massima, che può andare da 6 a 42 anni a seconda del paese.

L’analisi comparativa è corredata da schede descrittive nazionali che illustrano i dati raccolti congiuntamente dalle reti Eurydice e OCSE/NESLI.

Per consultare e scaricare il rapporto in formato pdf: Teachers’ and School Heads’ Salaries and Allowances in Europe 2016/17


Tag: Personale dell'istruzione